Sei in : Comune di Dolo >

VIOLENTO FORTUNALE SI ABBATTE SU DOLO: LA TEMPESTIVITÀ DELLA MACCHINA DEI SOCCORSI CONTIENE I DANNI (COMUNICATO STAMPA DI LUNEDì 9.07.2018)

09/07/2018

8 luglio 2015, 8 luglio 2018. Stessa data, eventi profondamente diversi: la paura, però, è stata la medesima.

La coincidenza di data ha fatto crescere il panico, a Dolo, verso l’evento atmosferico che ieri sera dalle 21.30 ha colpito violentemente la cittadina.

Tecnicamente si è trattato di un ‘downburst’, ossia di fortissime raffiche di vento (a una prima stima di oltre 120 km orari)  che hanno soffiato linearmente lungo il territorio. Il tornado di tre anni fa, invece, si sviluppò in un vortice devastante, che corse lungo una direttrice ben delineata.

L’Amministrazione Comunale ha dato l’allerta alle 21.35, invitando Polizia Locale, Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Carabinieri e Ufficio Tecnico a uscire per fronteggiare le eventuali emergenze. La macchina operativa è scattata subito: la drammatica esperienza di tre anni fa, purtroppo, non si dimentica.

Grazie all’intervento tempestivo, alle tre tutto il territorio era già in sicurezza. Alle cinque di stamane sono partiti i mezzi di Veritas per la pulizia straordinaria delle strade. Le ditte incaricate della manutenzione del verde pubblico (operatori del ‘Tavolo Verde’) da stanotte stanno lavorando per completare la raccolta degli alberi caduti nelle aree che dove sicurezza e incolumità non risultano compromesse.

I danni riguardano principalmente il patrimonio arboreo e le conseguenze determinate dalla caduta: porzioni di recinzioni abbattute, grondaie divelte, due autovetture lesionate, manto stradale compromesso, cartellonistica e elementi di arredo urbano parzialmente colpito. Disagi sono stati registrati sia per l’interruzione nell’erogazione dell’energia elettrica, sia per il blocco parziale della viabilità. Chiuse al traffico via Vego Scocco, via Arino, via Pionca e via Alture (dove è caduto un palo della linea telefonica).

Nella giornata di oggi continuerà il monitoraggio.

Commenta la Giunta: ‘la prova di tre anni fa ci ha permesso di perfezionare i meccanismi di pronto intervento, tanto da farci intervenire con assoluta celerità nella serata di domenica. Un ringraziamento a tutti coloro i quali si sono prodigati nelle operazioni di messa in sicurezza e ai tanti cittadini che ci hanno incoraggiato e sostenuto nella notte durante le operazioni. Una criticità già sottolineata al genio Civile Regionale e alla Regione Veneto riguarda l’assoluta urgenza e necessità di intervenire in maniera continuativa e programmata nella manutenzione delle rive, che, come si è visto, sono uno dei punti maggiormente danneggiati dal fortunale di ieri sera’.